Investire sul titolo Juventus: tutto ciò che c’è da sapere

Investire sul titolo Juventus: tutto ciò che c'è da sapere

Il calcio sta diventando un’azienda e ciò non deve stupire gli appassionati di calcio, né provocare una mancanza di interesse nei tifosi. Sempre più realtà, in effetti, si comportano come se fossero delle vere e proprie aziende e non soltanto delle realtà calcistiche. Basti pensare agli assetti societarie, alle sempre più rappresentative figure, all’inserimento molto più deciso di realtà estere all’interno del calcio italiano e, in ultimo, alla realizzazione di titoli di borsa che interessano uno dei club più rappresentativi del calcio italiano stesso, la Juventus. Investire sul titolo Juventus è possibile come con qualsiasi altro titolo in borsa, ma c’è bisogno di avere delle informazioni a riguardo.

Come cresce il titolo Juventus?

Di base, la Juventus ha un potere commerciale che poche altre squadre italiane possono permettersi. Il potere di cui si parla non è un fattore casuale, ma dipende da una serie di fattori che non possono essere sottovalutati: tra tutti, il potenziale numero di tifosi in tutto il mondo (circa 12 milioni), il ricco palmares sportivo del team (che lo rende uno dei club più titolati al mondo, con 36 scudetti, 13 Coppe Italia e 7 Supercoppe Italiane, oltre che con  2 U.E.F.A. Champions League, 2 Coppe Intercontinentali, 2 Supercoppe Europee, 3 Coppe U.E.F.A. e una Coppa delle Coppe).

Al di là delle informazioni di base, non si può trascurare una dinamica di base, che determina la crescita o la diminuzione del valore del titolo, come sottolineato in e-conomy.it. Se, ad esempio, la Juventus ottiene importanti vittorie in campo internazionale la quotazione cresce di pari passo con il titolo, a causa della maggior fiducia da parte degli investitori.

Che cosa c’è da sapere prima di fare trading con le azioni della Juventus?

Al di là della tendenza di base che determina la crescita e la diminuzione del titolo Juventus, ci sono altre direttive da seguire prima di fare trading con le azioni della Juventus. Più nello specifico, si tratta di alcuni consigli da seguire in merito al movimento e alle tendenze dei mercati.

E’ fondamentale seguire, ad esempio, la base di tifosi della squadra, in continua espansione, e soprattutto i mercati di riferimento: l’espansione verso oriente, in particolare verso realtà come Cina e India, è un importante fattore da non sottovalutare, considerando la maggiore possibilità di spesa da parte dei nuovi tifosi. 

Allo stesso tempo, è importante tenere sotto controllo l’aspetto comunicativo della società torinese, che sta operando in modo molto oculato nella sua espressione in campo di marketing: il restyling del logo, ad esempio, che ha visto la squadra cambiare il proprio simbolo nonostante le polemiche iniziali, è stato molto efficace in questo senso, così come l’aggiunta del rosa nei colori della prima maglia della squadra, in aperto attaccamento alle origini della società.

Tuttavia, la motivazione principale in grado di determinare il successo del club e la sua crescita finanziaria sta nell’acquisto di grandi giocatori o di figure socialmente attrattive: non si può trascurare che l’acquisto di Cristiano Ronaldo, per quanto sia stato osteggiato da alcune figure societarie della Juventus, abbia avuto un impatto commerciale – in termini di borsa, vendite, immagine e appeal del club – notevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *